.Nota diffusa dall’ Avv Silvia Parente , Candidata Forza Italia circoscrizione Centro: <<Edifici tecnologici, dotati di spazi per la ricerca e laboratori. Piu’ computer, piu’ palestre, piu’ strumenti digitali per una scuola moderna che immetta nel mondo del lavoro

La Calabria non è una regione per i giovani, ma può diventarlo attraverso un uso intelligente delle ingenti risorse che stanno arrivando dall’Europa con il programma Next Generation. C’è la possibilità di operare una prima “rivoluzione” nell’organizzazione scolastica che, purtroppo, in Calabria è disastrata, anche per il pessimo stato degli edifici e la scarsa dotazione tecnologica. Si utilizzi, attraverso un’azione concertata Governo-Regione-Province e Comuni, una grossa fetta di finanziamenti per recuperare la gran parte degli edifici scolastici, dotandoli delle più recenti tecnologie per il riscaldamento e l’energia elettrica, ma anche di nuovi spazi per lo sport, le attività di laboratorio, le attività legate alla comunicazione. Più palestre, più campi da gioco, più laboratori, più sale attrezzate per il montaggio digitale, più collegamenti con la banda larga, più computer. Migliorando la qualità logistica delle scuole, sicuramente miglioreranno le performance degli istituti scolastici, riducendo il numero dei ragazzi che non riescono a conseguire un diploma e alzando il livello di conoscenze. E’ ovvio che, accanto a questa grande azione di recupero edilizio, c’è bisogno di un potenziamento del personale, dei docenti e dei non docenti. Ma se non si parte dalla scuola, ogni politica a favore delle nuove generazioni sarà destinata ad arenarsi. Non ho dubbi che il presidente Occhiuto condividerà questa mia analisi, anche perché l’inserimento nel mondo del lavoro dipende in buona parte dalle conoscenze e dalle abilità conseguire con lo studio. Mi impegnerò molto in questo senso perché ritengo che questa sia una delle sfide più importanti che dovremo affrontare come nuova classe dirigente.>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− otto = 0