Guardavalle : cornice di pubblico da categoria superiore e spettacolo di gioco meritevole di una sufficienza piena tra le due migliori squadre del torneo . Alla fine la spunta la capolista Gioiese che allunga sul Guardavalle, ma il risultato più giusto sarebbe stato il pareggio in virtù di un secondo tempo all’arma bianca del Guardavalle che ha chiuso nella metà campo gli ospiti senza però riuscire a creare occasioni pericolose e quando ci era riuscita, ha trovato pronto Panuccio alla parata.

 Ad un primo tempo dove le due squadre hanno cercato di approfittare dell’errore altrui con la capolista pronta e sorniona a diventare cinica come al 15’ con la traversa di Pirrotta dal limite su svarione difensivo e soprattutto al 30’ quando “regalato” un angolo dalla difesa locare era Lombardo che crossava in piena area dove ancora il “piccoletto” Pirrotta si ritrovava il regalo di “Natale” e di testa realizzava il vantaggio.

 Peccato per i locali che oltre ad aver perso la possibilità di acciuffare al primo posto la Gioiese ha perso l’imbattibilità che durava dalla prima partita di campionato.

 Pronti via ed è subito la Gioiese al 10’ad impegnare Parrotta con Pascu che di testa costringeva il portiere locale a deviare in angolo. Gli ospiti attendisti riuscivano a sfruttare ancora un errore dei locali ed al 15’ con Pirrotta che dal limite colpivano la traversa.

 I locali trovavano ad impensierire Panuccio al 22’ con Luca Riitano con un tiro dal limite che veniva deviato in angolo. Ancora i locali al 26’ con Dorato che da posizione angolata provava a superare il portiere ospite sul secondo palo con palla che finiva sul fondo.

 Al 30’ il vantaggio ospite con Pirrotta di testa.

 La ripresa si apriva con l’evidente fallo da rigore al 5’ commesso da Cassaro su Dorato che lo atterrava in modo plateale, ma per il signor Panarese di Lecce non c’erano gli estremi del fallo.

 Gli ospiti subivano la pressione dei locali e all’8’ era capitano Riitano che dal limite su punizione impegnava il portiere che deviava il tiro in angolo.

 Al 10’ ancora corner di Riitano per la testa di Arona con il portiere che para a terra.

 La pressione dei locali con il passare dei minuti si interrompeva nella rocciosa difesa degli ospiti che alla fine riuscivano ad ottenere un risultato pieno che la rilancia per la vittoria finale.

Alla fine i due allenatori ai nostri taccuini:

 “Vittoria importantissima su un terreno difficilissimo qual è quello di Guardavalle, – ci ha dichiarato mister Dal Torrione – ringraziando i suoi giocatori per l’impegno che hanno profuso contro una squadra, quella locale, che ha cercato in tutti i modi di vincere la partita. Mentre sull’episodio del rigore non concesso a Dorato, il mister ci ha dichiarato che dalla panchina non si è visto nulla, ma si è soffermato sulla bella giornata di sport e sulla correttezza in campo da parte delle due squadre”

 Mentre un amareggiato mister Calabrese ci ha dichiarato “ peccato perché abbiamo giocato bene contro un’ottima squadra che se si trova prima in classifica ha dei meriti indiscutibili, anche se oggi il pareggio poteva essere alla fine il risultato più giusto per quel rigore non concesso a Dorato che a tutti è sembrato netto” .

GUARDAVALLE NUOVA GIOIESE 0-1

GUARDAVALLE: Parrotta 6,Tedesco 5,5, Lizzi 6, Riitano L. 5,5,Arona 6,5,Romeo 6,5,Corapi 6( 35’st. Audino), Andreacchio 5( 37’st. Cuscunà) Dorato 6,5,A. Riitano 7,Staglianò 5,5( 15’st. Caputo 5,5). In panchina: Simonetta, Cimino, Pilato, Federico.

Allenatore: Calabrese, 6

NUOVA GIOIESE: Panuccio 6, Cosoleto 6, Cassaro 6,5, Vindicchi 6,Dieni 6,Taverniti 6,Pirrotta 6,5 ( 17’Barilà 6), Lombardo 6, Pascu 6( 40’st. Sacco), Guerrisi 6, Iervasi 6 (24’st. Frittina).In panchina: Bonito, Brancati, Vita, Russo.Allenatore Dal Torrione 7

ARBITRO: Panarese di Lecce 6 ( Assistenti: De Chiara di Rossano – Sciammarella di Paola )

MARCATORI: 30’pt. Pirrotta  (N.G.)

NOTE: terreno in buone condizioni, spettatori 750 circa di cui trenta tifosi della Gioiese.

Ammoniti: A. Riitano e Corapi (Guardavalle), Guerrisi e Cassaro (Nuova Gioiese)

 Giuseppe Ussia

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ sei = 12