Il cambio di casacca è uno sport che viene applicato con regolarità estrema in politica. A Palazzo Zanca, poi, ci sono evoluzioni particolari. Oggi Salvatore Serra ha comunicato la propria adesione al Pdl, apprezzandone «il nuovo corso» che è «ispirato alla tutela dei diritti dei cittadini e allo sviluppo economico e sociale dell’intero Paese», pur rimanendo, al momento, al Gruppo Misto. Serra di casacche ne ha cambiate eccome. Con la “Margherita”, costola di quello che sarebbe diventato il Pd, quando Genovese era sindaco, alle scorse elezioni si è presentato ed ha ottenuto uno scranno in consiglio comunale con Risorgimento Messinese, il movimento creato da Fabio D’Amore, diventato poi avamposto cittadino di Raffaele Lombardo nonché commissario cittadino dell’Mpa. Serra ha poi deciso di rimanere nell’area “autonomista” (non senza aver “flirtato” con l’Udc di D’Alia, in un corteggiamento senza esiti nonostante un comunicato ufficiale del senatore), passando però nell’ala più “estremista”, se così si può dire, cioè con Cateno De Luca. Ma anche questo matrimonio è durato poco, complice anche la rottura col capogruppo Ivano Cantello. Il passaggio al Gruppo Misto è stato l’anticamera all’adesione la Pdl ed in particolare al percorso del sindaco Buzzanca. Così la spiega Serra: «Questa scelta matura a livello locale in una piena condivisione della gestione amministrativa portata avanti dall’attuale Amministrazione del sindaco Giuseppe Buzzanca, al quale va riconosciuto l’impegno nel cercare di affrontare, con grande dignità e senso di responsabilità, una serie infinita di questioni, datate nel tempo, che hanno impedito alla nostra città una reale ripresa socio-economica a causa di una miopia politica che, ci auguriamo, rimanga ormai solo un labile ricordo. A tal fine, considerato che nessuno purtroppo possiede la bacchetta magica, auspico a gran voce la ripresa di un vero confronto politico lontano da mere logiche partitiche, nessuno incluso, nell’interesse della nostra comunità». E la nuova casacca è già bella e indossata.

Tempostretto.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× 7 = quaranta nove