Dia ReggioLa Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, tramite un comunicato stampa, informa che coadiuvata dai Centri Operativi e Sezioni D.I.A. di Roma, Genova, Milano, Torino, Catania, Bologna Messina e Catanzaro sta procedendo all’esecuzione di 8 provvedimenti restrittivi, emessi dal GIP del Tribunale di Reggio Calabria, Dott.ssa Olga Tarzia, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia reggina, diretta dal Procuratore della Repubblica Dott. Federico Cafiero De Raho.

Tra gli arrestati figurano l’ex ministro della Repubblica Claudio Scajola, nonché personaggi legati al noto imprenditore reggino ed ex parlamentare Amedeo Matacena, colpito anch’esso da provvedimento restrittivo unitamente alla moglie Chiara Rizzo ed alla madre Raffaella De Carolis.

Matacena è latitante, a seguito di condanna definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa.

Sono in corso numerose perquisizioni in Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Calabria e Sicilia, oltre a sequestri di società commerciali italiane, collegate a società estere, per un valore di circa 50 milioni di euro.

…………………………………………………

L’operazione in corso della  Direzione Investigativa Antimafia  si colloca nell’ambito dell’indagine denominata “BREAKFAST” , che da più di due anni vede impegnata la D.I.A. di Reggio Calabria nella ricerca dei reinvestimenti di capitali illeciti, movimentati dalla ‘ndrangheta in Italia ed all’estero.

Tra gli arrestati, oltre all’ex ministro Claudio SCAJOLA ed alla madre dell’imprenditore reggino Amedeo MATACENA, figurano Martino POLITI, Antonio CHILLEMI e la segretaria di SCAJOLA, Roberta SACCO.

I soggetti coinvolti sono gravemente indiziati a vario titolo di aver, attraverso la loro interposizione, agevolato l’imprenditore MATACENA ad occultare la reale titolarità e disponibilità dei suoi beni, nonché di aver favorito la latitanza all’estero di quest’ultimo.

I dettagli dell’operazione saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa ,che si terrà alle ore 12,00 odierne presso il Centro Operativo D.I.A. di Reggio Calabria,  alla presenza del Procuratore della Repubblica, dott. Federico CAFIERO DE RAHO e del Direttore Nazionale della D.I.A. Arturo DE FELICE.