Il governatore Giuseppe Scopelliti è convinto della bontà dello spot per promuovere il turismo dell’estate calabrese. Il progetto incontra critiche e consensi. C’è chi mette in discussione la scelta di utilizzare i Bronzi di Riace. Durante la presentazione, avvenuta una ventina di giorni fa a Palazzo Campanella, non ci sono state reazioni. Adesso ci sono coloro, anche esperti d’arte, i quali sostengono che lo spot danneggia e non promuove la Calabria. L’ultimo a lanciare critiche è l’industriale Pippo Callipo, attuale commissario di Confindustra Reggio, già candidato (e avversario di Scopelliti) alla presidenza della Giunta regionale. Anche il sindaco di Catanzaro Michele Traversa, che è dello stesso partito di Scopelliti, aveva dichiarato di non gradire questo spot. Ma ci sono tanti che lo approvano. Per Pippo Callipo si tratta «di un filmato demenziale». Egli è più che convinto che «una pubblicità più dissacrante e irriverente non potesse essere ideata. È proprio vero che al peggio non c’è mai fine». Per l’industriale calabrese bisogna «subito ritirare questa vergognosa pubbicità». E dà la sua spiegazione: «I Bronzi di Riace rappresentano un valore inestimabile e noi, loro privilegiati custodi, non abbiamo trovato di meglio che ridicolizzarli davanti a milioni di italiani». Anche Giuseppe Nucera, titolare di Reghion Travel è fortemente critico nei confronti dello spot. La pubblicità calabrese ha scatenato il popolo dei blog: la maggioranza però approva. Aldo Pecora, fondatore del movimento “Ammazzateci tutti”, trova la campagna «simpatica ed efficace, certamente anni luce rispetto a quella multimilionaria ideata da Oliviero Toscani». Nico Pangallo, presidente provinciale dei Verdi reggini vede il bicchiere mezzo pieno: «Il nuovo messaggio promozionale della Regione Calabria potrà anche essere considerato poco elegante (anche se ci chiediamo cosa sia oggi l’eleganza), ma sta pienamente raggiungendo i propri obiettivi». E cioè «sta facendo passare comunque l’importante messaggio promozionale sulle bellezze della nostra regione». Giuseppe Scopelliti difende la sua scelta con una nota diffusa dall’Ufficio stampa della Giunta: «Sono francamente divertito da queste polemiche. I blog sono in queste ore intasati di commenti e, guarda caso, la stragrande maggioranza condivide l’originalità del progetto e l’idea innovativa, la concezione di trasmettere un messaggio che riesce ad attrarre l’attenzione». «La creazione dello spot – aggiunge – è frutto del lavoro di giovani calabresi e vorrei sottolineare che il costo dello stesso spot è di appena cinquantamila euro, un’autentica inezia rispetto ai costi esorbitanti del passato, con nessuna commissione pagata ad agenzie intermediarie. Oggi lo spot ha creato un dibattito e sicuramente tutto questo fa bene alla Calabria e questo stesso dibattito dà anche più forza alla nostra idea di lavorare per una Calabria positiva e nuova». Scopelliti difende così la scelta di utilizzare un’opera d’arte come i Bronzi: «Mi domando: della Gioconda liscia, gassata o Ferrarelle chissà questi critici cosa hanno pensato? Oppure sui bagni d’autore a Milano, o meglio i bagni chimici creati da Oliviero Toscani sempre con la stessa Gioconda di Leonardo? O la Statua della Libertà con i jeans della Levis? O ancora del David di Michelangelo ciccione diffuso via web dalla Federazione dei Giochi olimpici della Germania? O il David della Mc Donald’s? E potrei continuare a lungo. Come mai su questo non si è mai creato scandalo? Al Museo Planning Exhibition Hall di Pechino sarà possibile ammirare dei capolavori artistici, quadri e sculture che hanno fatto la storia dell’arte mondiale, animati con la tecnologia 3D, che si muovono e parlano come persone in carne ed ossa. Consiglierei a sovrintendenti, studiosi, archeologi e critici di non andare a quella mostra in Cina, magari potrebbero essere colti da malori».(to. lic.)

Gazzetta del Sud del 9.06.2011

 

Guarda il Video: http://www.youtube.com/watch?v=vZCj7Mb9U-0&feature=player_embedded

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


otto − 7 =