mongiardo romaVenerdì 3 maggio, alle ore 17.00, presso la Sala Mostre e Convegni Gangemi Editore, via Giulia 142, a Roma si è svolta la presentazione del volume “Cristo ritorna da Crotone” di Salvatore Mongiardo, pubblicato dalla Gangemi Editore.

Hanno presieduto:

  • Mario Codispoti, Presidente A.R.A. — Associazione Romana Andreolesi

Sono intervenuti:

  • Gerardo Frustaci, Sindaco di Sant’Andrea Apostolo dello Ionio (CZ)
  • Franco Monsalina, Assessore alla Cultura e Spettacolo di Sant’Andrea Apostolo dello Ionio (CZ).

Ha presentato:

  • Padre Giulio Cipollone, Ordinario di Storia Medievale presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma

Ha coordinato i lavori:

  • Mariana Lancellotti

Presente naturalmente anche l’autore.

Chi è Salvatore Mongiardo?

Salvatore Mongiardo è nato a Sant’Andrea Jonio (CZ) nel 1941, si è laureato in Italia e specializzato in Germania e Francia. Ha lavorato nel marketing internazionale per la Procter&Gamble a Roma, per l’Aga Khan in Costa Smeralda e poi nell’immobiliare a Milano. Successivamente si è dedicato soprattutto alla scrittura: i suoi libri autobiografici indagano l’umano destino e le cause profonde della violenza. Egli sostiene che in Calabria si trovano i più grandi giacimenti di energie mentali e morali, il vero tesoro dell’umanità, e che dalla Calabria verrà la nuova civiltà del mondo, la CIVILTA’ SISSIZIALE. I fatti, le situazioni, i nomi e i personaggi dei suoi libri sono veri.

Il contenuto del libro:

Il messaggio di Gesù affonda le sue radici nell’antica Italia, nata in Calabria, e nella Scuola Pitagorica di Crotone: amicizia, libertà, giustizia sociale, rifiuto del sacrificio di sangue, dieta vegetariana, comunità di vita e di beni, cena rituale col pane e il vino. Il libro, con la scoperta di queste radici culturali, rivela un Cristo Nuovo e annuncia la sua Seconda Venuta.
Le radici culturali del messaggio di Gesù derivano dall’antica Calabria, dove re Italo fondò l’Italia con il Sissizio, il convivio comune ed egualitario. Attorno al Sissizio si svilupparono i valori di amicizia, libertà, giustizia sociale, rifiuto del sacrificio di sangue, dieta vegetariana, comunità di vita e di beni, adottati poi da Pitagora e riassunti nel “Sissizio pitagorico”, la cena rituale col pane e il vino. La dottrina della Scuola Pitagorica di Crotone si diffuse nel Mediterraneo e arrivò anche agli Esseni, che celebravano la stessa cena sissiziale, diventata poi l’Ultima Cena di Gesù. La Calabria fu quindi la culla dell’eucaristia: da lí viene anche l’ostia bianca e rotonda della messa e la tovaglia di lino bianco sugli altari. Questo libro spiega le culture attraverso le quali si è formata la dottrina di Gesù e dà nuova luce al destino dell’umanità: finché i Vangeli saranno letti, anche questo libro sarà letto.

Video: https://www.youtube.com/watch?v=4dvDHeqzq3g

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


4 + = undici