ac3fe11c-1aad-4a6b-9a09-0d161ce83f80Nella giornata di ieri i Carabinieri del Comando Compagnia di Crotone hanno realizzato un servizio straordinario di controllo del territorio a Scandale e nel centro storica pitagorico. Sono stati 20 i militari impiegati in perquisizioni, controlli ed ispezioni a persone sottoposte a misure alternative alla detenzione, anche con l’ausilio delle ormai immancabili unità cinofile.

A Scandale dopo aver effettuato diverse perquisizioni volte alla ricerca di armi, i militari della locale Stazione agli ordini del Maresciallo Ordinario Pasquale Castellana hanno tratto in arresto L.M. cl’71 poiché accusata di aver realizzato nella sua abitazione un allaccio abusivo alla corrente elettrica: durante una perquisizione effettuata alla casa della donna, i militari hanno notato che il contatore dell’energia elettrica era spento, mentre in casa tutte le luci erano normalmente accese e le prese tranquillamente funzionanti. Una volta convocati i verificatori dell’Enel, si è appurata la presenza di un by-pass effettuato nei pressi del contatore in moda tale da dirottare in maniera illegale la corrente direttamente dalla rete pubblica alla villetta. Questa mattina, la convalida dell’arresto.

A Crotone sono stati passati al setaccio dei controlli dei Carabinieri i vicoli del centro storico : diverse le perquisizioni effettuate, due gli arresti effettuati.

Ad essere stato arrestato per spaccio è stato Francesco G. cl’89, vecchia conoscenza dei Carabinieri perché arrestato a fine settembre 2015 per minacce aggravate ed esplosioni di colpi d’arma da fuoco: l’uomo, sottoposto agli arresti domiciliari proprio per la sparatoria settembrina, è stato sorpreso in flagranza nell’atto di spacciare una dose di marijuana – attraverso una finestra posto al piano terra del suo appartamento- ad un consumatore. Una volta preso sul fatto, si è proceduti alla perquisizione domiciliare, con l’ausilio delle sempre disponibili Unità Cinofile della Guardia di Finanza di Crotone, rinvenendo circa 25 grammi di marjuana. Il soggetto oggi è stato ascoltato in udienza di convalida e risottoposto agli arresti domiciliare.

Un’ altra conoscenza, più recente, dei Carabinieri è Luigi Cortese, arresto meno di 48 ore fa perché trovato in possesso di una super sasso di eroina “brown sugar” negli slip: il Cortese che era stato posto agli arresti domiciliari è stato sorpreso dai Militari a gironzolare per gli stretti nelle adiacenze di casa sua e quindi arrestato per evasione.

Medesima sorte oggi pomeriggio per D.O. , pluripregiudficato del 1978, il quale benché sottposto agli arresti domiciliari, è stato sorpreso dai Carabinieri nel Nucleo Radiomobile fuori dalla propria abitazione.

Mentre i militari della locale Stazione hanno eseguito un’ordinanza detentiva in carcere nei confronti di L.L., il quale dovrà scontare circa 8 mesi presso la Casa Circondariale di Crotone per reati contro il patrimonio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× 9 = nove