Mandatoriccio-Stemma logoVIDEO all’interno – “Uno strumento alternativo di giustizia che possa offrire benefici, in termini di tempo e di servizio, ai nostri cittadini e a quelli di tutto il comprensorio”. Così il sindaco di Mandatoriccio, avv. Angelo Donnici, ha commentato l’apertura dello sportello di Conciliazione, la cui prima sede decentrata è stata inaugurata proprio a Mandatoriccio nel corso di una apposita manifestazione tenutasi giovedì 3 aprile all’interno del palazzo municipale. All’inaugurazione, frutto del protocollo d’intesa stipulato tra il Comune di Mandatoriccio e la Camera di Commercio di Cosenza, hanno partecipato l’assessore comunale alla Cultura Maria Parrotta e i rappresentanti della Camera di Commercio: la dirigente Area 2, Erminia Giorno, e il responsabile dello sportello di Conciliazione, Francesco Catizone.

A introdurre i lavori l’assessore Parrotta, che ha posto l’accento sull’utilità e sulla celerità che “un simile strumento apporterà ai cittadini”, spiegando poi il tipo di controversie che è possibile espletare, ovvero questioni di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, locazione, comodato e affitto di aziende.

A fornire ulteriori dettagli e tecnicismi è stato poi Catizone che ha parlato delle funzioni e illustrato i vantaggi di tali strumenti.

Lo sportello sarà attivo già dai prossimi giorni e si occuperà di mediazioni, conciliazioni e arbitrato oltre che della ricezione di domande di conciliazione non previste dal decreto legislativo 580/93 e di arbitrato rientranti nella competenza della camera arbitrale “Costantino Mortati” di Cosenza.

“Avviare una Conciliazione è sorprendentemente semplice – ha spiegato il responsabile dello sportello di Conciliazione della Camera di Commercio di Cosenza, Catizone – basta inviare la domanda di mediazione presso la Camera di commercio nel luogo del giudice territorialmente competente. Da quel momento è la Camera di commercio che si occuperà di contattare l’altra parte e curare tutti gli aspetti organizzativi fino alla data dell’incontro e, nel caso raggiungano l’accordo, le parti potranno firmare un accordo che avrà la stessa efficacia di un contratto. Dopo aver verificato la disponibilità delle parti a partecipare all’incontro – ha aggiunto – l’ufficio di Conciliazione individua il conciliatore, provvede a tutte le comunicazioni necessarie e fissa un primo incontro preliminare durante il quale il mediatore verifica con le parti, la possibilità di proseguire con l’incontro di mediazione. I tempi sono rapidi: la procedura va conclusa entro tre mesi; in media, per risolvere una controversia occorrono circa 47 giorni dall’invio della richiesta, e nella maggior parte dei casi – ha concluso l’avvocato Catizone – è sufficiente un solo incontro di Conciliazione”. E’ bene precisare che la Camera di Commercio ha proposto a tutti i Comuni della Provincia l’apertura di una sede decentrata del proprio sportello di Conciliazione; finora hanno aderito 11 Comuni. Tra questi Mandatoriccio che, ancora una volta, si propone come Comune all’avanguardia in tema di servizi offerti ai propri cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


otto × = 40