In occasione della Commemorazione dei defunti, l’assessore alle politiche cimiteriali, Elvira Amata, ha programmato una serie di provvedimenti per permettere a tutti i cittadini messinesi la migliore fruizione dei cimiteri nelle giornate del ricordo dei familiari estinti. Saranno presenti all’interno del Gran Camposanto le associazioni di volontariato ed in particolare il gruppo degli Scout che garantirà servizio di assistenza e di sostegno ai visitatori. Alle ore 10 di lunedì 2 novembre, così anche in tutti i cimiteri cittadini, sarà deposta una corona di fiori da parte dell’Amministrazione comunale, a cura dei presidenti e dei consiglieri delle sei Circoscrizioni. Sempre il 2 novembre alle ore 11 al Gran Camposanto, sarà celebrata la Santa Messa, mentre per i giorni della Commemorazione dei defunti sarà inoltre ultimato il restauro del monumento funebre di Stefano Ribera, poeta, giornalista e combattente per la libertà, eseguito dallo scultore Giuseppe Gangeri nel 1908. L’intervento di recupero, voluto dall’assessore Amata con l’alta sorveglianza della Soprintendenza, si inserisce nel piano programmato dall’Amministrazione per la riqualificazione e valorizzazione del Cimitero di Messina. L’opera, che si trova nella spianata di ingresso del Gran Camposanto è costituita da un basamento in pietra lavica, adornata da una scultura in marmo che riproduce libri e penne d’oca, simboli dell’attività letteraria e poetica del Ribera, raffigurato da un mezzo busto in marmo bianco. Il completamento del restauro del monumento funebre del Gangeri, restituisce alla città un’opera di rilevante pregio storico- artistico contribuendo al decoro artistico del Gran Camposanto di Messina, uno dei cimiteri monumentali più interessanti d’Italia, considerato un vero e proprio museo all’aperto. Per la Commemorazione dei defunti la pulizia e il decoro – ha assicurato l’assessore Amata – sarà garantito dal personale di Messinambiente che ha confermato la presenza di operatori all’interno dei cimiteri. Verificata infine l’efficienza degli ascensori negli edifici delle sezioni 58 e 59.

cittadimessina.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 − sei =