In merito all’infezione da cetrioli contaminati, che ha anche causato il decesso di alcuni cittadini tedeschi e coinvolto altre centinaia persone in Germania, il Ministro della salute, prof. Ferruccio Fazio con un comunicato diffuso ieri, ha reso noto che l’ipotesi più accreditata è che la causa sia da attribuire al consumo di cetrioli provenienti dalla Spagna in cui sarebbe stato rilevato l’E.coli O 104: H4. I casi segnalati in altri Paesi comunitari Danimarca (4 casi) Regno Unito (3), Svezia (10) e Olanda (1), ha dichiarato lo stesso Ministro, riguardano viaggiatori che si erano recati in Germania nelle ultime settimane. Anche se al momento in Italia non sono stati registrati casi è stato avviato un sistema di allerta rapido con la Commissione europea. L’Istituto Superiore di Sanità riceve dal S.S.N. tutte le segnalazioni in merito alla Sindrome Emorragica Uremica (SEU) e il NAS è pronto ad individuare eventuali arrivi dalla Spagna di cetrioli 0contaminati. Pertanto, per evitare eventi di infezione alimentare da E.coli. si consiglia di adottare alcune norme igieniche quali ad esempio lavarsi bene le mani, lavare bene le verdure e gli attrezzi usati in cucina ed evitare che i prodotti già sciacquati possono venire a contatto con quelli ancora da pulire.

Tempostretto.it – Tito Lanciano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× sette = 14