In Centrache, nella notte tra il 28 febbraio ed il primo marzo, sconosciuti, armati di arnesi da scasso, si introducevano all’interno del locale Bar “DREAM CAFFE’”, in quella via Indipendenza, dopo aver forzato la porta d’ingresso dell’esercizio; i malviventi asportavano dall’interno un pc portatile e, non contenti, recuperavano le monete contenute nelle 3 slot machines presenti, per un totale di circa 1.000,00 euro, dileguandosi subito dopo dal luogo del crimine.

I Carabinieri della Stazione di San Vito sullo Jonio, comandata dal Maresciallo Minasi e competente per territorio, allertati dal proprietario del Bar, dopo aver effettuato attento e minuzioso sopralluogo nel locale, davano immediato inizio ad una serie di perquisizioni domiciliari in tutta la giurisdizione, con il supporto di ulteriori pattuglie della Compagnia Carabinieri di Soverato.

 Durante una delle attività di controllo, i militari rinvenivano, a casa di D.F. F.A., classe 1957, il pc portatile e un contenitore del liquore Jack Daniel’s con all’interno numero monete da 1 e 2 euro; approfondendo la perquisizione domiciliare, si rinveniva anche un taglia vetro professionale, anch’esso sottoposto a sequestro dagli operanti.

 Il D.F. F.A., accompagnato subito in caserma, veniva deferito all’Autorità Giudiziaria per furto aggravato; tuttavia, la ricostruzione dell’evento fatta dai militari e le ulteriori prove scaturite dalle attività investigative, svolte nell’immediatezza, permettevano all’Arma di identificare anche gli ulteriori due complici (D.F. R. del 1992 e uno straniero S.A.H.S. del 1982), che, denunciati a piede libero, risponderanno dello stesso reato in concorso.

 La refurtiva veniva riconsegnata al proprietario dell’esercizio commerciale e l’arnese per effrazioni veniva sottoposto a sequestro penale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


uno × 4 =