Tre medici dell’azienda sanitaria provinciale di Catanzaro sono indagati per truffa aggravata e falso ideologico. Da indagini svolte dal nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza sarebbero emersi profili di responsabilita’ concernenti le non corrette modalita’ di svolgimento di attivita’ lavorativa extraistituzionale espletata dai tre professionisti, i quali si sarebbero o spesso assentati arbitrariamente dal servizio al fine di svolgere, illegittimamente, ulteriori attivita’ sanitarie extraistituzionali, ottenendo, indebitamente, emolumenti non dovuti. Il tribunale di Catanzaro ha inoltre disposto il sequestro preventivo per equivalente, pari a circa 40 mila euro, delle somme e dei beni (tra cui anche un’autovettura) nella disponibilita’ dei tre professionisti, eseguito dai militari operanti.

Strill.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette − 2 =