Personale della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Castrovillari (CS), in collaborazione con il Reparto Prevenzione Crimine Calabria Nord, l’Unità Cinofili di Vibo Valentia, a seguito di complesse indagini, ha proceduto all’arresto, nel comune di Spezzano Albanese, di nr. 9 persone ritenute responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ( eroina e cocaina).

Le misure sono state emesse in data 21.01.2013 dal GIP del Tribunale di Castrovillari nei confronti di ABBRUZZESE Cosimo classe 1970, ABBRUZZESE Leonardo classe 1961, ABBRUZZESE Nino classe 1979, ABBRUZZESE Antonio classe 1988, ABBRUZZESE Nicola classe 1966, ABBRUZZESE Antonio classe 1994, ABBRUZZESE Celestino classe 1990, ABBRUZZESE Francesco classe1993 e ABBRUZZESE Mario (detto “Mimmo”) classe 1966.

L’indagine, durata quasi un anno, ha permesso di accertare l’esistenza di un gruppo, composto da soggetti appartenente allo stesso ceppo familiare, dedito allo spaccio di stupefacenti. L’attività di spaccio avveniva, a tutte le ore nel cortile antistante le loro abitazioni.

Le telecamere installate da personale operante hanno registrato tutta l’attività criminosa, facendo emergere che i tossicodipendenti si recavano in Spezzano Scalo, ed una volta giunti all’interno del piazzale antistante la palazzina abitata dagli indagati o nelle immediate vicinanze, contattavano lo spacciatore di turno che consegnava lo stupefacente previo pagamento di una somma di denaro che variava a seconda della tipologia della droga.

La droga, spesso,veniva nascosta tra i binari della ferrovia (da qui il nome dell’operazione), distante pochi metri dal piazzale dove avveniva lo spaccio. I tossicodipendenti provenivano da tutta la provincia cosentina. Nel corso delle varie fasi dell’indagine è stato sequestrato stupefacente del tipo eroina, cocaina e hashish: EROINA quantitativo pari a circa 600 dosi, COCAINA quantitativo pari a circa 50 dosi , Marijuana e Hashish . A carico dei suddetti indagati sono state sequestrate nr. 5 autovetture utilizzate per il trasporto dello stupefacente dagli indagati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


uno + = 5