Nel corso di una conferenza stampa, alla presenza del Vicesindaco Carlotta Previti, la presidente del Soroptimist Club Messina Linda Schipani ha illustrato il programma delle iniziative, patrocinate dal Comune di Messina e promosse in occasione della campagna Unesco “Orange the World in Me”. All’incontro hanno preso parte, tra gli altri, per il Soroptmist la socia Giusy Furnari; Anna Maria Tarantino, Presidente ACISJF Messina; Maria Celeste Celi, Presidente del CIRS onlus Messina; e in rappresentanza delle Forze dell’Ordine, il Comandante dell Compagnia Carabinieri Messina centro il Maggiore Marcello Savastano, accompagnato dal Tenente Alice Ganselli e dal Maggiore Mauro Romano. La giornata del 25 novembre è conosciuta come Orange Day perché in tutto il mondo viene identificata con il colore arancione, scelto dall’UN Women, l’Ente delle Nazioni Unite, per l’uguaglianza di genere e per simboleggiare un futuro senza violenza sulle donne.

“Partendo da questo presupposto, – ha dichiarato il Vicesindaco Previti – in apertura dell’incontro, ritengo sia di fondamentale importanza un’azione, su questa triste tematica, condivisa in un’ottica interistituzionale con tutti gli Enti territoriali e la società civile in quanto, per la sua particolare gravità deve essere quotidiana e non confinata soltanto in eventi celebrativi. A tal fine auspico un impegno che vada perseguito ogni giorno soprattutto nei piccoli gesti del quotidiano. Una grande sfida è l’educazione all’affettività e alla relazione tra uomo e donna che deve responsabilizzarci su interventi educativi ai più giovani e di sensibilizzazione della collettività per incidere fortemente sulla rappresentazione simmetrica e paritaria di tale rapporto. Questa giornata è nata per l’eliminazione della violenza contro la donna partendo dall’assunto che la violenza contro la donna sia una violazione dei diritti umani. È stata istituita esattamente sedici giorni prima della Giornata Mondiale dei Diritti Umani, proprio perché la violazione è una conseguenza della discriminazione contro le donne e pertanto rappresenta una violazione dei diritti umani.

È chiaro che questa non può essere una giornata unica e singola nel panorama dei 365 giorni dell’anno, noi oggi celebriamo e ricordiamo che qualsiasi caso di violenza deve essere sempre condannato partendo soprattutto dall’educazione familiare e dal contesto scolastico nel cui ambito ragazzi e ragazze possano crescere con un messaggio forte e chiaro. Le vittime di violenza che sinora hanno sofferto: donne, figlie e mamme devono essere ricordate come un simbolo da non dimenticare.

Non possiamo più permettere che anche minimi segni di violenza possano essere tollerati, nascosti o minimizzati e dobbiamo fare in modo che ragazzi e ragazze si rendano consapevoli del fatto che qualsiasi segno di violenza dentro casa o a scuola va condannato, denunciato e raccontato perché partendo dalla denuncia al minimo segno di violenza si può evitare il femminicidio e qualsiasi altra forma di violenza sulle donne”. La presidente Schipani ha ringraziato “il Vicesindaco Previti e l’intera Amministrazione Comunale per la disponibilità dimostrata nell’organizzazione della campagna per le donne. E’ nostra intenzione – ha aggiunto Schipani – fare azioni concrete attraverso un programma di sedici giorni ricco di eventi. Come ogni anno, nel periodo compreso tra il 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, e il 10 dicembre, Giornata internazionale per i diritti umani, il Soroptimist, unitamente alle socie di altre associazioni, ci vede unite per la realizzazione di iniziative ed azioni di sensibilizzazione mirate al contrasto di ogni forma di discriminazione e violenza contro le donne con l’obiettivo di dare il nostro contributo per una società maggiormente consapevole basata sul rispetto per il prossimo. Per questa ragione utilizziamo quale messaggio di sensibilizzazione visivo il colore arancione, simbolo di un futuro senza violenza di genere, secondo il motto dell’Unione: non accettare nessuna forma di violenza – chiama il 1522″.

Nel corso della conferenza stampa è intervenuta l’Assessore alle Politiche Sociali e Pari Opportunità Alessandra Calafiore che, nel porgere il suo saluto, ha evidenziato come “la novità legislativa del reddito di libertà, condivisa dal Comune di Messina con l’INPS, insieme ad un già attivato progetto pilota di 10mila euro per le donne, rappresenti la linea da perseguire e l’impegno dell’Amministrazione Comunale”.

Il calendario delle iniziative prenderà il via domani, giovedì 25, dalle ore 12 alle 24, lungo la Scalinata Mons. Francesco Bruno di via XXIV Maggio, dove sarà possibile visitare la Mostra ‘Donne d’artista”, organizzata da CIRS e ACISJF; sabato 27, alla 16.30, nella sede del CIRS, si terrà un laboratorio di Arte del Riciclo, a cura della Presidente Linda Schipani, attività inserita nell’ambito della SERR, la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti; lunedì 29, alle 11, “Insieme per non dimenticare”, un momento di riflessione sulla panchina rossa, sita di fronte al Tribunale, con la partecipazione delle associazioni FIDAPA e AL TUO FIANCO; sempre lunedì 29, alle 16.30, al CIRS, laboratorio di scrittura autobiografica a cura di Giusy Furnari, socia Soroptimist club Messina. Le iniziative proseguiranno poi il 1° dicembre, in occasione della Giornata internazionale contro l’AIDS, alle 17, nella sede del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, in via Giacomo Venezian 43, dove si terrà un incontro per informare e prevenire, a cura di Luisa Barbaro, socia Soroptimist, Rosario Duca Presidente ARCIGAY Messina e Cinzia Fresina Presidente di AIAF ME; sabato 6, alle 10, “Tour in Factory” iniziativa con la presenza del Presidente nazionale Soroptimist International, Giovanna Guercio. Infine, mercoledì 10, alle 18, l’appuntamento conclusivo nel Salone delle Bandiere a Palazzo Zanca, con il convegno “Soroptimist Day e Giornata dei Diritti Umani”, a cura delle Socie del Soroptimist, Giusy Furnari, Anna Gensabella e Marina Moleti, Presidente del Tribunale di Messina.

Lascia un commento