Calcio di punizione del Città di Vittoria Non poteva che terminare a reti bianche la partita fra Milazzo e Città di Vittoria, contrassegnata da poche occasione da rete ed un gioco ristagnante prevalentemente a centrocampo. Non è bastata ai mamertini la superiorità numerica sancita dall’arbitro dopo l’espulsione di Rametta al termine della prima frazione di gioco. Gli avversari, schieratisi con un protettivo 4-4-2 hanno chiuso tutti i varchi ed impiegato le ripartenze soprattutto sulle fasce apparse poco vigilate dai difensori milazzesi. Il Milazzo si fa vedere soltanto al 15’ minuto con una triangolazione fra Bella ed Impalà causando un traversone per Frisenda, ma la sua conclusione è finita alta sulla traversa.

Calcio di punizione di Dama (Milazzo) (2)

Al termine del primo tempo sono i biancorossi vittoriesi a condurre le manovre del gioco: al 37’ un’incursione di Fichera supera in velocità Gualdi e crossa in mezzo per Strano, che colpisce da pochi passi, ma Di Dio compie una prodezza miracolo tuffandosi sulla sua destra. Al 43’ un passaggio a spiovente da destra di Bella serve Frisenda, dopo che Venuti ha fatto da velo, ma il portiere ospite Di Carlo lo anticipa. Al 45’ Rametta, già ammonito, commette un fallo di mano condannato dal signor Cattaneo col secondo giallo ed il conseguente rosso. Ad inizio ripresa il Milazzo cerca di portarsi in vantaggio portando avanti l’asse delle sue manovre ed al 51’ Bella fionda la sfera nel centro dell’area di rigore, Frisenda colpisce con un esterno sinistro, ma il pallone, lambendo il palo, si perde sul fondo. Al 60’ mister Alacqua rafforza ulteriormente l’attacco inserendo Dama al posto di Laquidara ed il neo entrato, difendendo palla al 68’, dai 25 metri, scarica un tiro di destro fuori di poco. Al 76’ uno slalom di Venuti serve la sfera al neo-entrato Ciccone che, però, da posizione ottimale, non inquadra la porta.

Occasione per il Città di Vittoria

Al 79’ lungo lancio dalle retrovie per Fichera che concreta di poco alto. All’88’ ancora Fichera dal fondo lascia partire uno spiovente molto ripido, sul cui Strano non riesce ad arrivare. Venuti al 90’ si guadagna un calcio di punizione da posizione centrale a meno di 20 metri dalla porta avversaria: calcia Dama, ma la sfera si perde di poco fuori.

 MILAZZO: Di Dio, Russo, Gualdi, Bella, Dall’Oglio (74’ Ciccone), Parisi, Impalà (62′ Salmeri), Alosi, Frisenda, Laquidara (60′ Dama), Venuti. A disp: Lombardo, Calderone, Rotuletti, Costa. All. Alacqua.

 

CITTA’ DI VITTORIA: Di Carlo, Russo, Gallipoli, Di Mauro, Di Rosa, Citronella, Fichera, Privitera, Strano (94′ Patti), Bevilacqua (75′ La Vigna), Rametta. A disp: Campo, Guglielmino, Iapichino. All. Campanella.

 

Arbitro: Cattaneo di Civitavecchia

Assistenti: Messina e Di Paola di Catania.

Espulso: 45′ Rametta ( doppia ammonizione)

Ammoniti: Citronella (CV), Russo (CV), Dama (M), Laquidara (M).

Spettatori: 500 circa

 

Foti Rodrigo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


5 + = sette