L’assessore ai Trasporti e Internazionalizzazione Luigi Fedele ha espresso piena soddisfazione per il parere positivo acquisito dal Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria riguardante la riconversione del Presidio Ospedaliero di Scilla.

“La riconversione in ‘Casa della Salute’ dello ‘Scillesi d’America, così come previsto dal Piano di Rientro – ha dichiarato l’assessore Fedele – deve essere recepita dalla comunità dell’area dello Stretto come una notizia del tutto positiva. Con questi interventi concreti, l’intero comprensorio potrà usufruire di nuove strutture complesse di tipo distrettuale idonee a garantire prestazioni sanitarie e socioassistenziali diagnostiche e cliniche di eccellenza.

Sull’ospedale di Scilla, la Giunta guidata dal presidente Scopelliti ha sempre mantenuto alta l’attenzione, oltre ad aver assunto impegni specifici relativi ad un potenziamento sostanziale dei servizi utili alla collettività. Quelle stesse prestazioni che, adesso, potranno essere attuate grazie all’utilizzo di circa otto milioni di euro necessari per la trasformazione dell’ex Presidio Ospedaliero di Scilla in Casa della Salute. Un traguardo importante, raggiunto grazie anche all’impegno del direttore generale dell’Asp, Rosanna Squillacioti e del direttore sanitario, Francesco Sarica, per il quale il presidente Scopelliti si è sempre battuto al fine di ricondurre, il più velocemente possibile, il sistema sanitario locale ad uno stato di normalità e, di conseguenza, di rendere più efficiente ed efficaci i servizi da offrire alle popolazioni di questa fetta di Calabria. L’iter che ha portato, poi, all’ erogazione dei finanziamenti stanziati per completare gli interventi stabiliti per l’ammodernamento della struttura scillese non è stato certamente facile ma, grazie alla tenacia del presidente Scopelliti, in qualità di commissario ad acta, l’intera cittadinanza della Costa Viola, dopo la conversione, beneficerà di una struttura molto accessibile, in grado di fornire risposte tempestive ai bisogni di assistenza con un notevole abbattimento delle liste di attesa.

Una struttura, quella del nosocomio di Scilla, che non vigeva certo in una condizione ottimale ma che, adesso, con questi nuovi interventi, subirà un sostanziale adeguamento alle esigenze del malato. Va, quindi, evidenziata l’azione dell’amministrazione regionale di centrodestra che, nel comparto sanitario, non si sta risparmiando attraverso la definizione e l’attuazione di azioni coraggiose che hanno come unica finalità l’esclusivo interesse dei pazienti – ha concluso Fedele – in virtù della riconversione delle altre strutture ospedaliere dislocate su tutto il territorio calabrese”.p.m.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


5 − = tre