“L’Europa oggi parte da Siderno, che si pone come modello internazionale non solo di sport, ma anche di organizzazione e senso civico. Così esportiamo il bello e il buono della Calabria, esorcizzando quei luoghi comuni di inadeguatezza che non ci appartengono più da tempo”.

Così il Vicepresidente della Giunta regionale, Giusi Princi, intervenendo alla cerimonia di inaugurazione del Palazzetto dello Sport di Siderno, che dall’8 al 10 aprile ospiterà le Qualificazioni europee di Volley femminile under 19. Tutto pronto per il grande evento di Volley che in provincia di Reggio Calabria ospiterà le Nazionali U19 di Italia, Germania e Paesi Bassi.

“Saranno 3 giorni di grande spettacolo. Senza dimenticare che i riflettori dell’Europa non saranno puntati solo sul rettangolo di gioco, ma anche sul Territorio ospitante. Ecco perché voglio ringraziare anzitutto la FIPAV per aver voluto fortemente che questo evento si svolgesse nella nostra Regione. E mi complimento con l’Amministrazione comunale ed il Comitato organizzativo per il prezioso lavoro svolto per arrivare fin qui. Anche la Regione – afferma Giusi Princi da Vicepresidente con delega allo Sport – per volere del Presidente Roberto Occhiuto, sostiene questa grande vetrina con un contributo economico”.

“Fare squadra, nello sport come nelle istituzioni, nella vita in generale, è fondamentale. Lo sviluppo ed il rilancio della Calabria partono proprio dall’unità d’intenti. E sono felice che oggi qui ci siano tutti gli enti, uniti e propositivi. È di vitale importanza che da questo evento l’intera Europa tragga un’immagine positiva della nostra amata Calabria. È e sarà una vetrina straordinaria sotto ogni punto di vista, pure turistico. Anche perché da che mondo è mondo lo sport è veicolo principe di modelli e valori da trasmettere. Questo Palazzetto da oggi accoglierà tantissimi giovani. Spero che ciò assuma anche dei connotati simbolici: accoglienza e non fuga, come quella che dobbiamo impedire dei cervelli brillanti dei nostri ragazzi. Noi siamo pronti a sostenerli ed incoraggiarli, tentando di farli restare qui, dando nuove ed efficaci possibilità – è il messaggio che lancia Princi da Siderno –“.