L’Agenzia nazionale ha accettato l’atto di attivazione della procedura per l’affidamento degli interventi. Il presidente Spirlì: «Tappa decisiva per la conversione delle due strutture»

L’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa (Invitalia) ha accettato l’atto di attivazione della procedura per l’affidamento degli interventi di riconversione funzionale degli ex ospedali di Scilla e Siderno, da destinare a Casa della salute.

L’Agenzia ha dunque nominato – per le procedure di affidamento di servizi tecnici di indagini, redazione del documento di fattibilità delle alternative progettuali, progettazione definitiva ed esecutiva, direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione – l’ingegnere Marco Bucci quale Responsabile unico del procedimento per i due interventi.

Lo scorso 17 giugno l’Asp di Reggio Calabria aveva trasmesso gli atti di attivazione, le dichiarazioni di impegno e gli elaborati tecnici di cui constano i documenti di indirizzo alla progettazione già validati ai fini dell’attivazione di Invitalia per per l’indizione e cura delle relative procedure.

Invitalia, nella persona del responsabile della Funzione investimenti pubblici, Giovanni Portaluri, ha quindi comunicato la decisione al vertice dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria e al commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro, il quale ha poi informato il dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria.

«SI REALIZZERANNO DAVVERO»

«L’accettazione dell’atto di attivazione e la nomina del Rup – afferma il presidente della Regione, Nino Spirlì – segna una tappa decisiva verso la tanto attesa conversione in Case della salute degli ex ospedali di Scilla e Siderno. Grazie a questo passaggio formale, si entra finalmente nella fase operativa per la definitiva rigenerazione di due presidi sanitari fondamentali per la provincia reggina. Dopo anni e anni di chiacchiere e di false promesse da parte di certa politica, sono particolarmente felice di annunciare che le due Case della salute, stavolta, si realizzeranno davvero».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× sette = 63