106, Baldino (M5S): “Governo nazionale e giunta regionale mantengano fede alle promesse fatte. Statale 106 è la priorità non il ponte sullo Stretto!”

ROMA, 18 NOV. 2022 – “Il Governo nazionale e la Giunta Regionale intervengano sulla strada statale 106. Intervengo a nome dei cittadini calabresi perché si mantenga fede alle promesse fatte negli ultimi 20 anni. La statale 106 è la priorità dei calabresi non il ponte sullo Stretto che il ministro Salvini vuole a tutti i costi”. E’ quanto ha dichiarato, oggi 18 novembre, intervenendo alla camera dei deputati la vicecapogruppo del M5S Vittoria Baldino. 

“Oggi è la giornata mondiale delle vittime della strada – ha esordito Baldino – e voglio manifestare vicinanza a tutti quelli che sulla strada hanno perso i propri cari. In particolare voglio soffermarmi sulla SS106 Jonica, una strada che collega tre regioni da Taranto a Reggio Calabria. Una strada statale che dal 1996 conta oltre 700 vittime”.

“Una strada – va avanti Baldino – vittima di promesse mancate da oltre vent’anni. Di promesse di ammodernamento, mancate. Oggi sono a chiedere al governo e alla giunta regionale che finalmente si ponga fine a questa storia. Una storia fatta di morte, di dolore, una storia fatta di diritti negati, perché attraverso quella strada si cerca di raggiungere i servizi essenziali come gli ospedali.

Chiedo a nome dei cittadini calabresi, soprattutto quelli dell’alto ionio cosentino, interessati dal tratto di strada più pericoloso, che presenta una sola carreggiata, senza corsie di accelerazione e decelerazione, una strada a scorrimento veloce, di essere considerati cittadini non di serie b”.

“Chiedo – conclude Baldino –  e lo chiedono i cittadini dell’alto ionio cosentino, che finalmente si mantenga fede alle promesse fatte negli ultimi 20 anni. Soprattutto oggi che è in fase di conclusione la legge di bilancio, chiedo che si mantenga fede ai 3 miliardi promessi per l’ammodernamento e che si trovino le risorse ulteriori per ammodernare il resto.

I calabresi e i siciliani non meritano che si butti loro fumo negli occhi: perché oggi si parla del ponte sullo Stretto che già ci è costato 1 miliardo di euro in perizie che non sono servite a nulla. La statale 106 è la vera urgenza dei cittadini calabresi. Noi calabresi non vogliamo essere considerati cittadini di serie b, ma crediamo di essere come tutti gli altri italiani, cittadini di serie A”.

Lascia un commento