bovalino-casa-beato-camillo-costanzo-webRiuscire a valorizzare e promuovere i borghi della regione Calabria è un obiettivo di primaria importanza che pone al riparo la storia, l’identità e le tradizioni d’importanti territori che altrimenti rischiavano di scomparire. Per questo motivo era stato diramato dal Dipartimento Urbanistica e Beni Cultuali della Regione Calabria un apposito bando, n. 6918 del 29/06/2018 FSC 2000-2006, denominato: “Progetto strategico per la valorizzazione dei borghi della Calabria e di potenziamento dell’offerta turistica e culturale” Tale bando prevedeva l’impiego d’importanti risorse finanziarie (100 milioni di euro!) da destinare alle proposte ritenute più interessanti per il recupero e la valorizzazione dei borghi antichi della regione, luoghi della memoria che ridanno finalmente onore e dignità ad ambienti e personaggi d’altri tempi che bisogna, assolutamente, preservare e tramandare alle future generazioni.  Con il Decreto n.14118 del 21/12/2020 della Regione Calabria, il Comune di Bovalino (RC) è stato ufficialmente inserito tra i beneficiari cui andranno 1,5 milioni di euro per attuare la valorizzazione del proprio borgo di Bovalino Superiore.

In quest’ottica, anche il Comune di Bovalino (Rc), sempre attento a tutto ciò che ruota intorno a storia, tradizioni e cultura, ha partecipato al predetto bando con un proprio progetto denominato: “Un progetto per valorizzare la storia e le tradizioni bovalinesi”. Dopo la prima fase e le conseguenti valutazioni, il progetto era stato inserito utilmente nella  graduatoria provvisoria, mentre ora c’è l’ufficialità del finanziamento che destina al Comune di Bovalino la somma di 1,5 milioni di euro, risorse che serviranno a recuperare, valorizzare ed incentivare l’offerta turistico-culturale del territorio bovalinese che sta già vivendo una nuova stagione grazie all’impegno costante ed assiduo della giovane amministrazione targata Vincenzo Maesano. Il progetto approvato riguarda il borgo antico di Bovalino Superiore, luogo natio del Beato Camillo Costanzo, oltre che sede naturale dell’antico castello di epoca normanna  e centro di enorme interesse storico-culturale-religioso piuttosto rinomato, luogo inserito tra l’altro in tutti i percorsi turistici organizzati dai vari tour operator regionali e nazionali. In totale sono 73 i luoghi oggetto del finanziamento che potranno, così,  ridare nuovo slancio ai propri territori.

79103677_2570999269665327_7208883623133446144_n“Risolto problema antico, ora sfruttiamo i nostri tesori”, così si è espresso il Presidente f.f. della Regione Calabria, Antonino Spirlì.  Da oggi, si può dire che i 73 comuni a cui andranno i 100 milioni potranno finalmente intervenire con progetti che mireranno alla riqualificazione dei borghi della Calabria, nella speranza che le bellezze di questi borghi possano attirare non solo turisti, ma anche nuovi residenti. La Calabria  -continua il presidente –  ha una collezione di borghi storici identitari, artistici, culturali e ambientali che, forse, pochissime altre regioni d’Italia, d’Europa e del mondo possono vantare. Mi aspetto -conclude Spirlì – che i sindaci si attivino al più presto per dar vita ai progetti. La fase dei controlli propedeutici alla sottoscrizione della convenzione avverrà quanto prima, dopodiché “a tutto cantiere” per i lavori”

Dalla Casa Comunale fanno sapere: “Questa volta si è puntati sulla valorizzazione dell’antico borgo di Bovalino Superiore attraverso interventi connessi ad un unico punto cardine: il consolidamento del turismo locale e culturale incentivando, in modo particolare, la creazione di un tessuto imprenditoriale giovane. L’intento, infatti, è quello contribuire a rivitalizzare l’economia locale anche attraverso la riqualificazione urbanistica degli spazi, quella architettonica dei principali edifici storici e la promozione culturale e artistica.

n-castello-bovalino-superiore-1Si tratta di un importantissimo risultato, un finanziamento che ci consentirà di avviare un percorso per il rilancio di un borgo dal valore inestimabile per storia e cultura. Per questo, gli interventi previsti promuovono lo sviluppo sostenibile, contrastando la linea progettuale delle “nuove costruzioni” e favorendo, in tal senso, il recupero del costruito storico e valorizzando gli spazi attraverso il disegno di aree verdi, che garantiscano non solo una riqualificazione urbana ma una partecipazione attiva della cittadinanza.

È stata premiata un’idea progettuale volta a rilanciare e valorizzare la storia e le tradizioni bovalinesi, un progetto che presto prenderà forma e che andrà ad incidere concretamente sullo sviluppo infrastrutturale e sociale del territorio. Dopo i circa 9.000.000,00 di euro ottenuti da quest’Amministrazione targata Agave si tratta di un altro importante successo per il lavoro svolto a sostegno del rilancio di Bovalino.

Pasquale Rosaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


1 + = tre