45569174_10217425291048103_1046411748799676416_n

Il Tribunale Penale di Locri, in composizione monocratica, nella persona della  Dott.ssa Annalisa Natale, ha assolto, ai sensi dell’art. 530, comma 2, c.p.p., Ferdinando Piccolo dal reato lui ascrittogli perché il fatto non sussiste. Il Piccolo, a seguito delle ripetute e pesanti denunce presentate dalla sua ex moglie, nel mese di giugno/2016, veniva tratto in arresto per il reato di maltrattamenti. Dopo la sua immediata scarcerazione, a distanza di nemmeno due giorni dall’esecuzione dell’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere e dopo la richiesta di Giudizio Immediato formulata dall’Ufficio di Procura, nel mese di ottobre/2016 iniziava il relativo processo penale, in cui l’ex moglie, D.L.M.C., si costituiva parte civile, conclusosi nel primo pomeriggio di ieri, con la lettura del dispositivo che ha decretato l’assoluzione, perché il fatto non sussiste, di Ferdinando Piccolo assistito e difeso dagli Avv.ti Antonio Iamundo e Vincenzo Luly del Foro di Locri.

img-20190717-wa0004

Sono molto contento del risultato ottenuto, ho sempre confidato nella giustizia, anche e soprattutto nel momento dell’arresto. Sono stato ingiustamente tratto in arresto e condotto in carcere con l’accusa più infamante che ci possa essere, maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale, e procurato aborto. Adesso la verità è uscita fuori. Giustizia è stata fatta! e soprattutto abbiamo dimostrato che lei ha solo detto calunnie e infamità, cercando di incastrare, una persona innocente”