Organizzata dall’Associazione “Spiriti Liberi Calabresi” in collaborazione con il Caffè Letterario Mario La Cava ed il patrocinio del Comune di Bovalino, si svolgerà al Parco delle Rimembranze di Bovalino mercoledì 21 luglio, una serata dedicata al cantautore Gianfranco Riccelli, spentosi a causa del Covid il 2 marzo scorso.

L’evento si svolge in occasione della cerimonia di premiazione della II edizione del premio “Spiriti Liberi Calabresi” che vedrà premiati, appunto Riccelli (alla memoria) ed il giornalista e scrittore Ilario Ammendolia.

Gianfranco Riccelli, cantautore e polistrumentista, è meglio conosciuto come frontman e “cuore” degli Arangara, band da lui fondata nel 2005, composta da musicisti calabresi legati dalla passione per il canto popolare del sud Italia e la realtà cantautorale italiana. Negli anni sono state tante le collaborazioni di Riccelli con artisti del calibro di Francesco Guccini, Claudio Lolli, Pierangelo Bertoli, Carlo Lucarelli, Ernesto Bassignano, Gianfranco Manfredi, Flaco Biondini, Stefano Benni.

Ilario Ammendolia, professore di lettere in pensione, dopo lunga militanza politica, si dedica al giornalismo e attualmente è direttore editoriale di “Riviera” e collaboratore del quotidiano “Il Riformista”. Ha pubblicato diversi libri sulla realtà calabrese, l’ultimo dei quali “La ‘ndrangheta come alibi” (Città del Sole Edizioni).

La serata prevede il saluto di Pietro Sergi, Presidente dell’Associazione “Spiriti Liberi Calabresi” e le testimonianze degli scrittori Franco Cimino e Felice Foresta e dell’attrice Cinzia Costa, tutti stretti amici e collaboratori di Gianfranco Riccelli. L’omaggio musicale invece è affidato ai musicisti Marcello Barillà, Salvatore Gullace, Celeste Iritano, Gioacchino Miriello, Febo Nuzzarello, Fabio Palmitesta, Daniele Radano e Paolo Sofia.

Conduce la giornalista Rai Emanuela Gemelli.

L’evento si svolgerà nel rispetto delle norme anti COVID-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


nove × 4 =