Il video della presentazione realizzato da Pasquale Rosaci.

Si è svolta stamani con inizio alle ore 11.00, presso l’Aula Consiliare del Comune di Bovalino (Rc), la conferenza  stampa di presentazione della V^  edizione del Premio Letterario Nazionale “Mario La Cava”, un evento culturale che rappresenta ormai un appuntamento fisso e che ha lo scopo di porre sempre in maggior risalto le opere e la figura di Mario La Cava, scrittore e saggista bovalinese che ha dedicato la propria esistenza per descrivere e mettere in primo piano la cultura, il paesaggio e anche  le tante controversie espresse da un territorio tanto bello quanto martoriato come quello della provincia jonica reggina.  Erano presenti: il Sindaco, Vincenzo Maesano; l’Assessore alla Cultura, all’Edilizia scolastica ed alle politiche per il Centro storico ed i Sistemi bibliotecari, Pasquale Blefari; l’Assessore alle Politiche Sociali, Associazionismo e Politiche giovanili e dell’infanzia, Filippo Musitano; il Presidente del Caffè Letterario “Mario La Cava”, Domenico Calabria; alcuni rappresentanti della stampa e semplici cittadini.

Quest’anno, dopo il difficile momento caratterizzato dalla pandemia da Covid-19, sono riprese le attività e la vita culturale del Caffè, un luogo divenuto ormai simbolo e crocevia obbligato per chi intende fare cultura a Bovalino e non solo. Un ritrovo divenuto nel frattempo il salotto buono della Bovalino che intende crescere e svilupparsi lasciandosi alle spalle gli anni bui e controversi dell’anonimato soprattutto culturale.

Ma veniamo alla manifestazione,, ricordiamo che nelle precedenti edizioni sono stati premiati: Claudio MagrisMaria Pia AmmiratiNadia Terranova; Donatella Di Pietrantonio, un quartetto di tutto rispetto che la dice lunga sulla qualità  delle opere, degli autori, ma anche delle giurie che si sono alternate per decretare il vincitore finale. Infatti, una menzione particolare, all’interno del Premio letterario, la merita proprio la giuria di qualità che, quest’anno, è così composta: Marco Gatto, docente dell’Università della Calabria; Cinzia Leone scrittrice;  Giuseppe Lupo, scrittore e docente all’Università Cattolica di Milano e dai rappresentanti istituzionali Pasquale Blefari, Assessore alla Cultura del Comune di Bovalino, e Domenico Calabria, Presidente del Caffè Letterario “Mario La Cava”  La giuria  ha selezionato 15 opere di narrativa italiana pubblicate nel periodo Agosto 2020-Settembre 2021. Ogni componente ha selezionato tre opere per un totale di 15 lavori, questo l’elenco dettagliato delle opere selezionate: Per strada è la felicità –Ritanna Armeni – Ponte alle Grazie; La casa di Roma – Pierluigi Battista– La nave di Teseo; Io sono Gesù –Giosuè Calaciura– Sellerio; Macello – Maurizio Fiorino– Edizioni e/o; Il popolo di mezzo –Mimmo Gangemi – Piemme; Il calamaro gigante –Fabio Genovesi– Feltrinelli; I tuoni –Tommaso Giagni– Ponte alle Grazie; Mentre tutto cambia –Fabio Guarnaccia– Manni; Padre vostro –Lou Palanca– Rubbettino; Le maestose rovine di Sferopoli –Michele Mari– Einaudi; Cuore di furia  –Romana Petri–  Marsilio; Claretta l’hitleriana Mirella Serri– Longanesi;  L’invulnerabile altrove –Maurizio Torchio– Einaudi; La rinnegata Valeria Usala– Garzanti; La quercia di Bruegel –Alessandro Zaccuri– Aboca.

Il programma prevede che il prossimo 31 gennaio 2022 si conosceranno i nomi dei tre finalisti; mentre la cerimonia di premiazione, durante la quale sarà proclamata l’opera vincitrice, si svolgerà nel mese di Marzo 2022. Il premio speciale “La melagrana” è stato assegnato all’accademico e antropologo Luigi Maria Lombardi Satriani, un altro calabrese doc che ha saputo coniugare storia, passione e cultura, contribuendo a portare  in alto  i valori essenziali e fondanti del nostro territorio. Anche in questa edizione sarà conferito il “Premio dei lettori”, assegnato dai soci del Caffè Letterario Mario La Cava.

(nella foto di copertina: Domenico Calabria; Paquale Blefari; Vincenzo Maesano e Filippo Muistano)

Pasquale Rosaci