(Riceviamo e pubblichiamo) – Le elezioni amministrative bovalinesi 2022 si avvicinano e l’obiettivo prioritario è senza dubbio quello di costruire un progetto che guardi al bene del paese, è quello di dimostrare serietà e senso di responsabilità, che vanno oltre gli interessi personalistici e che guardano alla comunità e al futuro di quest’ultima.

Alla luce degli ultimi risvolti di questa fase pre-elettorale che prospettano uno scenario alternativo a quello visto sino a questo momento e che hanno palesemente diviso il centro-destra, prendo atto della situazione che sta gravemente danneggiando il benessere collettivo di Bovalino.  Per tutelare il futuro del paese, ho deciso di rivedere la mia candidatura a Sindaco con la lista civica “Vivi Bovalino”, e auspico che le attuali condizioni possano fattivamente creare quella collaborazione e condivisione tanto declamata da più parti.

La mia disponibilità nasceva da una condivisione di vedute con i promotori di “Vivi Bovalino” e non solo, e anche per l’amore che nutro per questo paese, nel quale vivo e svolgo la mia professione da trent’anni. Il progetto che stava prendendo corpo con il gruppo, prevedeva un ritorno alla vera politica, per riportare il paese al centro del dibattito. Nella mia visione di futuro amministrativo, Bovalino deve tornare protagonista e occupare nuovamente il posto che merita nella Locride, merita di essere un luogo attivo, merita di far sentire la sua voce emergendo dal silenzio in cui è stato relegato ormai da anni.

Auguro alle forze politiche, alle associazioni e ai singoli cittadini che scenderanno in campo, un buon lavoro e una serena campagna elettorale.