BOVALINO, 30 MAR. – “Smentisco categoricamente quanto pubblicato, oggi, sulla carta stampata locale (Gazzetta del Sud, a firma Antnio Blefari) relativamente alla mia decisione di scendere in campo in qualità di candidato a Sindaco del movimento che si sta creando ed organizzando per contrastare la leadership del sindaco uscente, Vincenzo Maesano. Pur consapevole della necessità di dover trovare una figura che unisca anziché dividere le varie forze del centrodestra scese in campo in questi giorni, ritengo utile e doveroso evidenziare che il coinvolgimento della mia persona in questi giochi di palazzo non può prolungarsi oltre a scapito sia della mia personale reputazione che della parte politica cui personalmente faccio riferimento. Per tali motivi, ritengo utile precisare che non ritengo altresì proficuo assumermi l’onore e l’onere di questo impegno che mi vede protagonista in prima persona. In ogni caso, e qualunque siano gli sviluppi all’interno dell’area politica di mio interesse, non farò di certo mancare il mio appoggio e sostegno per giungere ad un risultato finale che sia soprattutto positivo per il bene del nostro paese”

Con questa breve ma inequivocabile dichiarazione, il Dottor Enrico Tramontana sgombra il campo e pone fine ad un tentativo maldestro di coinvolgerlo in giochi politici di basso rilievo che non sono e non rappresentano il suo modo di essere e di pensare. Purtroppo, ancora una volta, sul fronte del centro-destra cittadino, soprattutto per quanto riguarda la cordata che fa capo all’ex Senatore Franco Crinò, si evidenzia una situazione politica poco chiara e molto nebulosa, dove ogni giorno si scopre di avere un nuovo candidato a sindaco e questo, a rigor di logica, la dice lunga sulla consistenza e compattezza del gruppo, un gruppo dove l’unica certezza….è l’incertezza che regna sovrana!

In tutto ciò gongola la cordata facente capo a Sebastiano Primerano che registra, indubbiamente, un altro punto a suo favore, infatti, dopo aver buttato la palla nel campo dell’avversario (ritirando la candidatura dell’Avv. Serranò), ora attende il rilancio della parte opposta riservandosi la possibilità di decidere sula bontà dei propositi politici manifestati. Bruciati Ientile e Tramontana a chi toccherà adesso?