Alitalia, Blue Panorama, Easyjet, Ryanair e Wizzair dovranno complessivamente pagare una sanzione di 100 mila euro. Non potranno più essere applicate commissioni aggiuntive al prezzo del biglietto se il cliente paga con carta di credito o di debito. Le compagnie hanno tempo fino al 1° dicembre 2012 per adeguare i propri siti web.

Non terminano i guai per le compagnie aeree che vendono biglietti online. Dopo la Vueling, l’Antitrust ha chiuso cinque procedimenti di inottemperanza per pratiche commerciali scorrette nei confronti di Alitalia, Blue Panorama, Easyjet, Ryanair e Wizzair. Le compagnie, già segnalate da Altroconsumo negli scorsi mesi, dovranno pagare sanzioni per complessivi 100 mila euro.

 No alle commissioni sugli strumenti di pagamento

Non ci sarà più spazio per le ambiguità: il costo del pagamento con carta di credito o debito sarà incorporato nel prezzo del biglietto. A vincere sarà il principio secondo cui non si possono applicare commissioni aggiuntive al prezzo del biglietto se il cliente paga con un particolare strumento di pagamento. Entro il 1° dicembre 2012, inoltre, le compagnie modificheranno la presentazione delle tariffe sui propri siti web.

Le sanzioni delle compagnie

Ecco, nel dettaglio, i provvedimenti dell’Antitrust:

Alitalia: sanzione di 20.000 euro. Il sito sarà modificato entro il 30 novembre 2012.

Blue Panorama Airlines: sanzione di 12.500 euro. Il sito sarà modificato entro il 1° novembre 2012.

Easyjet: sanzione di 20.000 euro. Il sito sarà modificato a partire dal 1° dicembre 2012.

Ryanair: sanzione di 37.500 euro. Il sito sarà modificato entro il 1° dicembre 2012.

Wizzair: sanzione di 10.000 euro. Il sito è già stato modificato.

Vueling continua nella pratica scorretta

Per quanto riguarda Vueling, sanzionata qualche mese fa, abbiamo verificato che la pratica scorretta continua. Per questo abbiamo inviato una segnalazione ad Antitrust: il prezzo pubblicizzato in fase di prenotazione non comprende le commissioni per il pagamento con carta di credito, che vengono ancora indicate solo al momento del pagamento.

Fonte: Altroconsumo.it