caccia alla volpe badolatoTorna oggi l’appuntamento con la caccia alla volpe simulata organizzata nella tenuta della “Pietra Nera dei baroni Gallelli” di Badolato. Dal 2006, forte di una tradizione ormai consolidata, la famiglia Gallelli è proprietaria del Club Calabrese per la caccia alla volpe simulata a cavallo, l’unica società equestre-nobiliare nel meridione, fondata e capitanata nel 2006 dal suo Master, il barone Ettore Gallelli Benso. La caccia dai Gallelli è in pratica un’elegante e tecnica battuta a cavallo, dove la preda è rappresentata da un esperto cavaliere che, con una finta coda di volpe legata al braccio, funge da selvatico. Il “Drug” (il terreno di caccia) si snoda lungo i fondi adibiti a pascolo, che costituiscono l’azienda agraria di 480 ettari della casata Gallelli. Seguendo un percorso della durata di circa 2 -3 ore, si galoppa su colline suggestive, attraversate da radure e disseminate di ostacoli aggirabili sistemati lungo il tracciato. La caccia, ideata anche per valorizzare il territorio e il turismo calabrese, termina con la Presa della volpe, un inseguimento lanciato, nel quale vince chi riesce a strappare la finta coda. La giornata si conclude con l’assegnazione del trofeo barone Gallelli, seguita dalla cena e dai balli. Per ulteriori informazioni, si può consultare il sito www.caccialavolpe.it.

Gazzetta del Sud

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sei × = 12