peppino-e-margheritaComunicato diffuso dall’Università delle Generazioni: << E c’e’ chi lascia in eredita’ il partito comunista! Badolato è quel bel paese che per primo al mondo nel 1986 era stato “messo in vendita” per salvarlo dal continuo spopolamento che ne stava svuotando il borgo antico.

Ne seguì un clamore internazionale e molti stranieri comprarono casa rivitalizzandolo un po’ mentre tanti sindaci italiani ed esteri ne seguirono l’esempio mettendo in vendita i loro territori desertificati. Maggiore speranza di salvezza poi diede un’altra grande visibilità mediatica quando, a fine dicembre 1997 con lo sbarco della nave Ararat, molte centinaia di profughi curdi vennero ospitati nelle case rimaste ancora vuote.

la-pietra-dellinnamorato-ruga-delle-margherite-badolato-czAdesso, si parlano una quarantina di lingue in questo pittoresco borgo che è un suggestivo balcone sul mare Jonio ma ha il verdissimo parco delle Serre alle spalle ed è una “Città d’Arte e di Natura”.

Badolato borgo è ormai diventato molto “trendy” e Guerino Nisticò, la guida più gettonata, si sofferma a narrare ai turisti fatti e personaggi che, nei mille anni di storia, hanno caratterizzato questo amenissimo luogo. Così Giuseppe Argirò, Vincenzo Invento, Aldo Pacicca e Gianni Verdiglione (nella foto) hanno avuto l’idea di lanciare l’operazione “Badolato il borgo che si racconta” con il fissare sulle pareti delle case più “eloquenti” tante “pietre della memoria” riportanti brevi frasi descrittive e incise dallo stesso scultore Verdiglione per evidenziare le situazioni personali, familiari, sociali e storiche più curiose, emblematiche e popolari.

artisti-pietre-di-badolato-giuseppe-argiro-gianni-verdiglione-aldo-pacicca-vincenzo-inventoCosì in Via Siena 1, nel rione Jusuterra (vicino al Bastione o porta del mare), possiamo leggere “A don Peppino e Margherita la sfida degli amanti” che 150 anni fa hanno vissuto una grande e clamorosa storia d’amore osteggiata da quasi tutto il paese per il loro ardire.

Sulla stessa via esiste da oltre 140 anni la cosiddetta “pietra dell’innamorato” da dove un giovanotto cantava le serenate alla sua bella accompagnandosi con una chitarra.

E, nella “ruga delle Margherite” c’è la fontana dell’amore che, fino agli anni cinquanta, era uno dei pochi punti dove i giovinetti potevano scambiarsi sentimentali sguardi d’intesa e qualche promessa o parola d’amore.

whatsapp-image-2021-02-27-at-11-35-22-peppi-naimo

A Piazza San Nicola si può leggere un’altra pietra davvero interessante: << A Peppi Naimo “Figlio non ho niente da darti, ma ti lascio il Partito Comunista”>> (in eredità, ovviamente).

E ancora in Via Regina Margherita viene ricordato il matrimonio avvenuto il 25 agosto del 1979 tra Luciano Gambaretti, agricoltore veronese, e la badolatese Giuseppina Carnuccio come esempio di quando i giovani padani cercavano moglie nel sud Italia: << Vinna nu bellu giuvanottu da campagna e Verona e sa levau >> ovvero << E’ venuto un bel giovanotto della campagna di Verona l’ha sposata e se l’è portata via>>.

sposo-di-verona-badolato-borgo-by-verdiglione-2020-rUn documento sociologico davvero unico! L’Università delle Generazioni intende inserire l’iniziativa “Badolato il borgo che si racconta” nel circuito internazionale delle “Pietre della memoria” e ha intenzione di coinvolgere pure i paesi che imperlano tutto il Golfo di Squillace per realizzare una speciale “Identità del Golfo”. In tal senso ha avuto l’OK dell’assessore al turismo Franco Caccia, il quale martedì 9 marzo cercherà di convincere i ceramisti locali ad aderire al progetto delle narrazioni in ceramica, di cui la città di Squillace potrebbe essere utile capofila organizzativo e produttivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− 6 = uno