Immagine dal web

«Si valuti seriamente l’annullabilità del bando e la sua riproposizione con le opportune modifiche». Così la consulta giovanile “Ulixes” di Badolato interviene nella vicenda legata al concorso bandito dal Comune per l’assunzione a tempo determinato e part-time di tre unità categoria C1 sul quale il circolo del partito democratico ha avviato una battaglia rispetto a presunte anomalie e irregolarità del bando. «Valutata la situazione e riscontrato uno strano silenzio politico-istiuzionale nonostante l’imminente scadenza – scrive in una nota la consulta giovanile – pensiamo sia doveroso che chi di dovere faccia subito chiarezza in merito alla “questione”, valutando seriamente l’annullabilità del bando. Auspichiamo che si sospenda il tutto – propone la “Ulixes” – e si rediga al più presto un nuovo bando, procedendo secondo corrette e trasparenti procedure pubbliche di selezione, ispirate a veri principi meritocratici di concorso. Auspichiamo, inoltre, che l’amministrazione comunale e gli uffici amministrativi “rinnovino” l’atto, offrendo alle tante giovani intelligenze locali (competenti e professionali) la possibilità di poter partecipare per titoli ed esami alla prova di concorso». A scanso di eventuali polemiche, la consulta ricorda altresì la propria «posizione istituzionale, politica e non partitica, e altresì super partes dell’organismo comunale che abbiamo l’onore e l’onere di rappresentare», confidando che si proceda «a garanzia di tutti i giovani cittadini che a pieni diritti hanno già inoltrato domanda di partecipazione e di tutti coloro che possono e potranno avere la possibilità di partecipare al concorso in questione con procedure corrette, trasparenti, super-partes, meritocratiche, a tutela e garanzia dei diritti democratici dei partecipanti, per il bene di Badolato e della sua stessa comunità».

Gazzetta del Sud – Francesco Ranieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette − 3 =