A meno di quindici giorni dalla pubblicazione ufficiale del nuovo bando occupazionale, i Sindaci dell’Associazione dei Comuni “Vibo Vale” presieduta dall’Assessore Nicolino La Gamba, unitamente ai partner interessati (Vibo Sviluppo, Unical, Camcom, Confesercenti, Confindustria) hanno siglato, alla presenza dell’Assessore alle politiche del Lavoro della Regione Calabria, On.Francescantonio Stillitani, del direttore Cuomo , del Sindaco della città Nicola D’Agostino, un protocollo D’intesa del partenariato  Economici – Sociale e 
istituzionale per  la partecipazione all’avviso pubblico piano locale 
per il lavoro.

 

Realizzata grazie soprattutto all’attività svolta dall’Assessore Nicolino La Gamba in rappresentanza dell’Associazione, l’iniziativa, chee ha visto la si è dimostrata molto importante, essendo il primo e fondamentale passo per poter partecipare al bando indetto dalla Regione Calabria dip. 10.

 

Ad aprire l’incontro, svoltosi presso la sala Consiglio di Palazzo “L.Razza” il Sindaco Nicola D’Agostino che nel ringraziare sempre i Sindaci dei Comuni che, per primi, hanno creduto in Vibo Vale, ha inteso rivolgere un plauso all’attività dell’Assessore Stillitani.

Nel corso dell’incontro, l’Assessore Stillitani ha ricordato le linee guida del programma finalizzato all’inserimento nel mercato del lavoro di specifiche categorie di lavoratori svantaggiati, soprattutto giovani, residenti nel territorio calabrese, attraverso l’attivazione di  un sistema integrato di politiche attive del lavoro, politiche della formazione e strumenti di incentivazione per le imprese che assumono.

10 le azioni previste dal programma, con l’obiettivo di inserire 15.100 lavoratori attraverso finanziamenti che ammontano ad un totale di €161.000.000,00.

<Nello specifico- ha proseguito l’Assessore regionale- l’azione presentata è la n.10 “azioni di politica attiva del lavoro a supporto dell’iniziativa piani per il lavoro”, per la quale sono state impegnati €15.000.000,00. L’importo sarà a sua volta suddiviso in tre trance da 5 milioni, in modo da finanziare ogni proposta presentata dal gruppo di  Comuni assieme al partenariato.

Le azioni messe in atto – ha concluso-hanno l’obiettivo di supportare la realizzazione dei Piani Locali per il Lavoro e l’occupazione (PLL) e si rivolgono principalmente ai partenariati territoriali formati da un minimo di otto Comuni e 50.000 abitanti>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette + = 16