Ampia disponibilità per una fattiva interlocuzione con la Regione Siciliana nell’ottica di una collaborazione strategica finalizzata allo sviluppo infrastrutturale, al potenziamento ed al miglioramento della qualità dei servizi offerti: è quanto emerso dall’incontro tenutosi ieri a Roma tra l’Assessore Regionale alle Infrastrutture e Mobilità Nino Bartolotta e il presidente di RFI Dario Lo Bosco, l’amministratore delegato di Trenitalia Vincenzo Soprano e di Sistemi Urbani Carlo De Vito.

 L’Assessore ha sottolineato la valenza strategica del collegamento ferroviario “Messina – Catania – Palermo” nell’ambito dello sviluppo delle reti di trasporto non solo regionali ma anche internazionali. Il collegamento in argomento, infatti, risulta inserito nel corridoio Europeo 5 Helsinki – Valletta, che riconosce fondamentale il potenziamento, secondo gli standard in uso, dell’asse Messina – Palermo.

 L’assessore ha chiesto l’impegno al mantenimento di tutte le attività di competenza F.S. in atto nella città di Messina, ivi compresi le Officine Grandi Riparazioni di Gazzi ed i centri direzionali, rilanciando anche la necessità, ormai improcrastinabile, che tali attività siano valorizzate e rientrino nella stipula di un accordo di programma per lo sviluppo strategico della città, anche in riferimento alla riqualificazione e valorizzazione urbanistica, economica, sociale e direzionale della porzione di territorio che si estende dalla Zona Falcata di Messina allo svincolo Autostradale di Tremestieri.

 I vertici Fs hanno dichiarato la loro disponibilità ad assumere impegni precisi finalizzati al mantenimento e valorizzazione delle proprie attività nella Città dello stretto, a patto che si instauri una fattiva e costruttiva interlocuzione da parte delle istituzioni locali e regionali interessate dalla problematica.

 L’Assessore si è impegnato ad avviare una concertazione immediata tra Autorità Portuale, Comune di Messina e Ferrovie dello Stato al fine di pervenire presto alla stipula di un accordo di programma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× uno = 6