Ambulanza_118“Il Dott. Giovanni Paola, sindaco di Conflenti, esprime grande compiacimento per il modo assolutamente efficace di come è stata gestita una situazione di emergenza per un intervento medico di estrema gravità a beneficio di un abitante di Conflenti, per il quale si è reso necessario l’interessamento, in simultanea, sia dell’ambulanza che dell’elisoccorso, entrambi mezzi in dotazione al servizio “118” “.

Esordisce così la nota inviata, tra gli altri, ai vertici dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, al direttore generale dell’Azienda ospedaliera “Pugliese Ciaccio” di Catanzaro, nonché ai presidenti di Giunta e Consiglio regionali, per evidenziare la perfetta riuscita di un intervento di emergenza, che ha coinvolto la Centrale operativa “Servizio 118” Asp CZ, il “SUEM 118” ambito lametino, la “PET 118” – Sede di Falerna e il Servizio Emodinamica U.O. Cardiologia A.O. “Pugliese–Ciaccio”. Un risultato reso possibile grazie all’esemplare coordinamento dei soccorsi e ad un’ottima tempistica, condizioni che hanno consentito di salvare la vita a un paziente con gravi problematiche cardiache.

Per il Dott. Paola “è il caso di dire che nella fattispecie tutto ha funzionato nel migliore dei modi: all’insorgenza di un forte dolore al petto, fortemente sospetto per essere un infarto acuto del miocardio, fra l’altro in un paziente che in passato ha sofferto dell’analoga patologia per la quale fu sottoposto ad una procedura di rivascolarizzazione con angioplastica coronarica e posizionamento di “stent” medicati (manovra che si rivelò di difficilissima esecuzione per la complicazione della “perforazione” reversibile del cuore), è intervenuto immediatamente un cardiologo del luogo il quale, confermando l’esistenza dell’evento infartuale acuto, ha attivato immediatamente il servizio “118” dal quale è giunta una tempestiva risposta con l’invio contestuale dell’ambulanza dell’equipe di Falerna e dell’elicottero”.

Il sindaco di Conflenti spiega che “il mirabile coordinamento tra le quattro componenti (il cardiologo sul letto dell’ammalato, l’equipe dell’ambulanza, quella dell’elicottero ed il servizio di Emodinamica dell’Ospedale “Pugliese – Ciaccio” di Catanzaro) ha consentito una gestione corretta e tempestiva del paziente, portandolo praticamente dentro un’ora dall’esordio dei primi sintomi clinici, direttamente sul letto di emodinamica per la procedura della “Coronarografia Primaria”, avvenuta poi con successo per la rivascolarizzazione coronarica e la conseguente scomparsa dei sintomi ed il ripristino delle modificazioni elettrocardiografiche. In questa vicenda – aggiunge – si è assistito ad una quasi perfezione nelle tempistiche, perché si è eliminato di fatto il “ritardo evitabile” che spesso si accompagna a questi interventi condotti in area periferica”.

“Inorgoglisce – dice ancora il Dott. Paola – raccontare che a determinare la sopravvivenza del paziente siano state più componenti, in azione più o meno simultanea tra loro, di un sistema sanitario regionale che ha dimostrato di funzionare correttamente e lo scrivente, nella sua qualità di Sindaco, ha la soddisfazione di poterlo rappresentare ai suoi concittadini per infondere rinnovata fiducia verso questi modelli organizzativi della Sanità Regionale che ha dimostrato, nei fatti, di essere capace di raggiungere ed offrire pari opportunità a qualsiasi cittadino che si trovi in stato di assoluta criticità”. “Finalmente – conclude il sindaco di Conflenti – qualcosa di estremamente lodevole per essere raccontata.”