1693Lunedì 9 dicembre – ore 10,30 – Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Roma – via Santa Maria in Via 37). Il Ministro per gli Affari Europei, Enzo Moavero Milanesi, il Ministro per l’Integrazione, Cécile Kyenge e il sottosegretario all’Istruzione, Università e Ricerca, Gian Luca Galletti, illustreranno lunedì 9 dicembre, alle ore 10:30, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, i risultati delle iniziative promosse nel corso del 2013 in occasione dell’Anno europeo dei cittadini e presenteranno il progetto ‘Europa nelle lingue del mondo’ rivolto ai cittadini stranieri naturalizzati italiani per sensibilizzarli su come godere dei diritti connessi alla cittadinanza europea.

Il 2013 è stato ufficialmente proclamato Anno europeo dei cittadini vent’anni dopo il Trattato di Maastricht che ha introdotto il concetto di ‘cittadinanza europea’. Il Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, punto di contatto nazionale dell’Anno europeo 2013, ha promosso nel corso di questi mesi azioni, progetti e iniziative proprio per contribuire alla diffusione di una maggiore informazione sui temi della cittadinanza europea, con particolare attenzione al mondo della scuola e dei giovani. L’iniziativa del 9 dicembre fornirà spunti per una più ampia riflessione sui temi centrali dell’Anno europeo alla vigilia di un 2014 che sarà caratterizzato dalle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo e dal semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell’UE.

Nel corso della giornata, sarà presentato ‘Europa nelle lingue del mondo’, progetto ideato per spiegare ai cittadini stranieri naturalizzati italiani come beneficiare dei diritti dell’Unione e lanciare un dibattito pubblico sul futuro dell’Unione e sulle riforme necessarie per migliorare la vita dei cittadini europei. Il progetto prevede la creazione di un sito internet in 4 lingue (italiano, arabo, bangla, russo); depliant informativi distribuiti presso gli uffici comunali cittadinanza di Roma, Milano, Napoli; uno spot informativo; sessioni di workshop e un sondaggio di opinione.