Ieri sera si è svolto a Guardavalle il previsto Consiglio Comunale. All’indomani, cioè oggi, ecco pervenuta a GuardavalleWeb una comunicazione a firma dell’ex Assessore Nicola Lucifero (Futuro e Libertà). Di seguito il contenuto integrale del comunicato stampa:

<<Delusi in molti , in paese, per la sceneggiataandata in onda ieri sera in consiglio comunale e che avrebbe dovuto avere come protagonista il sottoscritto consigliere Lucifero ; i non molti spettatori hanno assistito ad una “tragedia” teatrale non in sintonia o forse non sulla stessa frequenza Rai o Mediaset trasmessa negli ultimi anni in consiglio comunale . I non tanti spettatori ed opinionisti , non hanno certamente fotografato, la sempre più penosa situazione politico-amministrativa in cui versa Guardavalle.

Lo spettacolo serale è stato concluso con la classica e tradizionale sceneggiata napoletana del vicesindaco , sempre pronto a dire la sua , accennando strumentalmente su quanto accaduto al sottoscritto .

Il Sindaco ha confermato la propria totale mancanza di dignità politica; i consiglieri di maggioranza si sono segnalati per la loro pochezza politica.

Nessuna sorpresa, sia chiaro, era da me scontato .

Vorrei porre, invece, l’accento su alcuni dati politici emersi:

Il primo: il prevedibile timido ed inutile tentativo di suscitare uno scatto di dignità istituzionale da parte dell’opposizione targata PD .

Il secondo: la tentata, ma falsa , presa di posizione dell’Udc e del suo massimo esponente .

Tuttavia sarebbe un gravissimo errore politico dimenticare che proprio l’Udc, ha tenuto viva l’eterna “rissa” con la maggioranza targata Pdl e con il sindaco , maggioranza che ora non critica così aspramente proprio mentre, con il suo voto determinante, avrebbe potuto mandarla a casa .

Con tutto il rispetto per l’Udc , ritengo che, se veramente a Guardavalle si vuole il cambio di registro, occorre oggi più che mai chiudere definitivamente le porte a questo modo ambiguo e machiavellico di fare politica.>>

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette × = 35