La natura continua a fare il suo corso come una punizione per l’uomo. Dopo la dichiarazione dello stato di allerta meteo del sindaco Buzzanca, che ha disposto la chiusura di tutte le scuole e università, la pioggia non ha tardato a farsi sentire, provocando ingenti danni. Tra Milazzo e Barcellona si è verificata un grave alluvione, causato dall’esondazione del Longano. Situazione difficile e critica per Barcellona, il cui sindaco Candeloro Nania ha disposto l’intervento dell’esercito per aiutare le famiglie rimaste isolate. A causa di un abbassamento di corrente, determinato dalle condizioni metereologiche, la Raffineria di Milazzo è andata in blocco. «Non c’è stata nessuna emergenza – spiegano alla Ram – tantomeno sversamento in mare di petrolio, almeno da parte nostra. Tutto si è svolto secondo i normali protocolli interni, e la fiamma è la dimostrazione che gli impianti hanno immediatamente fronteggiato il calo di tensione che ha determinato il blocco. Detto questo anche noi stiamo fronteggiando l’emergenza maltempo, visto che abbiamo avuto allagamenti sin dalle prime ore della mattinata>>. La situazione nella provincia di Messina è da non sottovalutare, anche se, purtroppo, gli occhi della stampa sembrano velati da un’assurda cecità.

Sono stati interrotti i collegamenti con le Isole e bloccato il tratto Barcellona- Messina nella A/20. Chiusa anche la statale 113 tra Barcellona e Terme Vigliatore, a causa di una frana.

A Catanzaro, il maltempo ha provocato, purtruppo una vittima. Una sola ora di pioggia violenta è bastata per far crollare il muro che ha tolto la vita a Natale Zicchinella, 56 anni, sposato e padre di due figli. L’uomo stava lavorando all’interno della sua officina, situata nella frazione di Sanna, quando uno dei muri portanti ha ceduto travolgendo l’uomo e ferendo un’altra persona presente nello stabile. Secondo quanto comunicato dal prefetto Antonio Reppucci, il muro era sotto sequestro da anni perché confinante con una discarica di automezzi abusiva verso la quale erano già stati emessi diversi provvedimenti.

 

Clarissa Comunale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− 5 = uno