E’ in applicazione da ieri il progetto normativo che prevede l’utilizzo del braccialetto elettronico per i detenuti agli arresti domiciliari.

Il sistema, il cui progetto di adozione risale al 2000, è stato allestito all’interno della sala Operativa della Questura di Roma, ed è applicato attualmente su disposizione del giudice del Tribunale di Roma, su tre persone detenute agli arresti domiciliari per reati legati agli stupefacenti.

L’obiettivo del dispositivo elettronico è quello di consentire un progressivo miglioramento alla situazione del sovraffollamento carcerario attraverso l’impiego di un meccanismo domiciliare di controllo a distanza sul quale dovranno vigilare le forze di Polizia.

Il congegno, è composto da un braccialetto elettronico che viene applicato al polso e da una centralina che, posizionata all’interno dell’appartamento, ne rileva costantemente la posizione.

L’apparato elettronico è posizionato vicino alla linea telefonica del “domiciliato” ed utilizza il sistema di trasmissione dati wi-fi.

Il superamento della distanza consentita del braccialetto dalla centralina o qualunque altro tentativo di manomissione del sistema, fa scattare l’allarme alla centrale delle forze dell’ordine che procedono al controllo del detenuto.

L’allontanamento non consentito e la manomissione sono equiparate in tutto e per tutto ad un tentativo di evasione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


cinque + 9 =