“Anche le aziende agricole crotonesi saranno rimborsate per quanto versato per l’Imu 2012 su case e fabbricati a uso agricolo. La proposta del Pdl potrà rappresentare una boccata d’ossigeno per l’intero comparto che, dai dati Unioncamere, è il più fiaccato dalla crisi economica”. A dichiararlo la candidata al Camera del Pdl, Dorina Bianchi partecipando ad un incontro promosso dalla Confagricoltura a Crotone.

“L’Imu che gli agricoltori sono costretti a pagare anche sulle stalle e su tutte le strutture anche se chiuse per fallimento – precisa la candidata alla Camera del Pdl riprendendo un allarme lanciato dalle associazioni di categoria anche sul territorio crotonese – può cessare soltanto se interrompiamo l’approccio, fino ad oggi adottato, di pensare che la pressione fiscale delle nostre aziende sia incrementabile a piacimento da provvedimenti governativi. Piuttosto sia lo Stato a stringere la cinghia. La proposta concreta lanciata dal Pdl non lascia spazio ad alcun dubbio. Vogliamo restituire ed abolire quanto è stato iniquamente sottratto alle imprese agricole senza aggravare ulteriormente la mortalità di un intero comparto che, nella sola provincia di Crotone ha fatto registrare nel 2012 una diminuzione delle imprese di ben 132 unità”.

“A chi ci accusa di demagogia – conclude Dorina Bianchi – chiariamo che la copertura finanziaria sia per coprire la restituzione dell’Imu 2012, sia il mancato gettito dell’abolizione dell’imposta sulla prima casa è stata ampiamente chiarita da Berlusconi. Gli oltre 4 miliardi di euro entrate nelle casse dello Stato dal pagamento dell’Imu invece di essere fagocitati dall’infernale Amministrazione statale saranno restituiti ai cittadini contribuenti. E, inoltre, altre significative entrate, stimate in circa 150 miliardi, saranno attinte dalla chiusura dell’accordo per regolarizzare e tassare i capitali detenuti illegalmente dagli italiani in Svizzera”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 + quattro =